Bere birra? Fà bene!

Per noi di Barfarm la birra non è una cosa nuova.
Abbiamo già scritto articoli relativi a questa buonissime e rinfrescante bevanda:

12 cocktail a base di birra;
Birre: cosa non puoi perdere nel 2013 (parte 1);
Birre: cosa non puoi perdere nel 2013 (parte 2).

Oggi vogliamo descrivere i benefici e le proprietà di questa antichissima bevanda.

La birra ha molti benefici e proprietà sulla nostra salute e sul nostro benessere. Gli effetti positivi della birra li possiamo riscontrare, considerando che un consumo moderato di alcool etilico riduce il rischio di attacchi cardiaci, nell’ipertensione arteriosa, nei problemi vascolari e nel diabete.

La birra ha molti effetti positivi, perché aiuta il lavoro dei reni e favorisce la diuresi; contribuisce a far funzionare bene lo stomaco e l’intestino, partecipa alla calcificazione e alla formazione dei tessuti connettivi ed è un ottimo antiossidante, alcune ricerche hanno provato che è in grado di prevenire alcune forme di tumori, come quello al colon.

Considerando le proprietà della birra, dobbiamo tenere conto che questa bevanda ha origine dai cereali. La birra non contiene grassi, è in grado di apportare vitamine e sali minerali: ecco perché il suo consumo può essere inserito all’interno di una dieta equilibrata.

THS-Bicchiere-Contenuto-3-compressed-1

E’ in grado di reidratare l’organismo dopo l’esercizio fisico, in quanto è in grado di reintegrare i liquidi e i Sali minerali persi durante l’attività fisica, grazie anche al suo alto contenuto di aminoacidi, vari Sali, vitamine del gruppo B e antiossidanti. Inoltre, essendo la birra composta per il 93% di acqua, è tra le bevande più dissetanti in assoluto.
La sua composizione e le sue caratteristiche organolettiche fanno si che la birra possa essere una buona bevanda per reintegrare i liquidi ed i sali minerali persi durante lo sforzo fisico: aminoacidi, minerali vari, vitamine del gruppo B e antiossidanti.

healt-beer

Per quanto riguarda vitamine, abbondanti sono quelle del gruppo B, che svolgono diverse funzioni: garantiscono l’equilibrio nervoso, aiutano la digestione e intervengono nel metabolismo. In particolare è ricca di vitamina B12, presente soprattutto negli alimenti di origine animale, indispensabile per il buon funzionamento del sistema nervoso. Ma non solo, visto che è elevato anche il contenuto di vitamina B6 e B9, importanti per la protezione contro le malattie cardiovascolari.

La birra contiene alcool etilico, che aiuta la salute del cuore, è ricca di potassio e magnesio, che incidono sulla diuresi e in fine contiene silicio, che interviene nella formazione dei tessuti connettivi. Inoltre, il silicio della birra può aiutare a ridurre il rischio di Alzheimer.

E’ ricca di fibre, cosa che potrebbe sorprendere vista che si tratta di una bevanda, fibre solubili derivate direttamente dalle pareti cellulari dell’orzo. Due bicchieri di birra contengono circa il 10% dell’assunzione giornaliera di fibre solubili; alcune birre possono fornire fibre fino al 30%.

birra-e-vista

La birra, se consumata in quantità moderata, riesce a mantenere attivo l’apparato cardiocircolatorio garantendo un minor rischio di incorrere nell’infarto, oltre che nell’ipertensione arteriosa e nei problemi vascolari. Inoltre favorisce l’aumento del colesterolo “buono” (il famoso HDL, anche se recenti studi hanno sfatato il mito di colesterolo spazzino e lo hanno declassato) e riduce il diabete. E’ fondamentale anche in menopausa, perché produce un innalzamento dei livelli degli estrogeni. Questa bevanda aiuta lo stomaco e l’intestino a funzionare meglio e limitare l’incidenza di alcuni tipi di tumore, come il cancro al colon.
Tutto questo è possibile perché il luppolo contiene diversi tipi di flavonoidi, che sono degli antiossidanti, i quali combattono i radicali liberi e i danni provocati dall’invecchiamento cellulare. Nello specifico il luppolo contiene xantumolo, una sostanza che sembrerebbe essere utile ad ostacolare la proliferazione di alcune cellule tumorali. Le ricerche hanno dimostrato che il numero di antiossidanti nel sangue aumenta successivamente al consumo di birra, cosa che indica che gli antiossidanti della birra sono assorbiti rapidamente, anche più velocemente rispetto a quelli degli alimenti solidi.

birra4

Alcune ricerche hanno dimostrato che quelli che consumano birra responsabilmente, godono di un grado maggiore di protezione contro Helicobacter pylori, conosciuto come una delle cause maggiori delle ulcere allo stomaco ed è un possibile fattore di rischio per il cancro allo stomaco. Il consumo di birra facilita l’eradicazione di quest’organismo per il suo effetto antibatterico.

La birra favorisce il lavoro dei reni, la diuresi e, quindi, previene la formazione dei calcoli in quanto è ricca di magnesio, elemento eccellente per l’organismo.

Studi recenti dimostrano che un moderato consumo di birra, insieme ad altri fattori sullo stile di vita, possa avere effetti positivi contro l’insorgenza del morbo di Parkinson, nota malattia degenerativa neurologica.

Altre recenti ricerche e tra queste quelle della Facoltà di Medicina dell’Università di Granada e del Consiglio Superiore della Ricerca Scientifica di Madrid, la birra non ingrassa, grazie al suo basso contenuto di kcal per ml, 43 per la birra alcolica e solo 17 per quella priva di alcool. Ovviamente, la cosa è vera se si beve la “birretta”, mentre se se ne beve in abbondanza, le cose cambiano radicalmente.

Barfarm è… Food and Beverage

Articolo di Francesco Troiano

Annunci

what do you think about

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: